Bathroom ♥ Wellness ♥

Asuntomessut hyvinkää 2013Avere una Sauna o un bagno turco in casa, è sicuramente un’opportunità allettante, in grado di regalare momenti d’intimo relax, in cui ritrovare nuove energie. La Sauna e il Bagno turco non sono la stessa cosa, . La prima differenza riguarda le origini, la sauna è nata in Finlandia, e quindi nei paesi di origine nordica, il bagno turco o hammam ha invece origini mediterranee. La caratteristica principale che differenzia questi due sistemi è il modo in cui agiscono: mentre la Sauna è praticamente un bagno di calore, l’hammam è una bagno di vapore. Entrambe rappresentano una vera e propria cura di bellezza per la pelle, e di piacevole relax per l’intero organismo. Nel dettaglio le modalità di funzionamento per ciascuno dei due, i benefici che sono in grado di apportare e come realizzarli nella propria casa. Nella Sauna, a differenza del bagno turco, l’aria è molto calda e più secca, e la temperatura può raggiungere i 90 gradi. Le saune sono ambienti realizzati in legno, generalmente viene usato il legno di pino, provvisti di panche disposte a diverse altezze, dove è possibile sedersi oppure sdraiarsi. Il calore è generato da una stufa che riscalda dei tipi particolari di pietre laviche; quando la sauna viene riscaldata l’aria diventa secca e quindi per generare umidità è necessario gettare acqua sulle pietre. Più ci si dispone in alto, sulle panche predisposte, più è possibile trovare una temperatura elevata. Generalmente il tempo necessario per effettuare la sauna è fra i 15 e i 20 minuti.La giusta pratica, prevede l’alternanza dei minuti di sauna, con docce in acqua fredda. Questo trattamento è in grado di stimolare l’eliminazione delle scorie e delle tossine, assieme ai grassi superflui, con un risultato ottimale per la pelle e per il sistema immunitario che ne esce rafforzato.Facilitando la circolazione sanguigna è un trattamento ideale per chi soffre di ipertensione. Il vapore è la principale caratteristica che differenza il bagno turco dalla sauna. Nel bagno turco il calore è umido al 100% e la temperatura rimane fra i 35 e i 50 gradi. Il vapore viene emanato dal basso, verso l’alto, talvolta si possono aggiungere essenze specifiche per il benessere delle vie respiratorie; nei primi 15 minuti si siede nelle vasche godendo del vapore, che fa aumentare la sudorazione, successivamente ci si può rinfrescare utilizzando l’acqua di apposite fontanelle. La sudorazione provocata dal clima caldo consente una permanenza maggiore nel bagno turco, rispetto a quella che si può attuare nella sauna. Il bagno turco, oltre a ridurre lo stress e a contribuire alla salute della pelle, è ottimale per chi soffre di problemi alle vie respiratorie, per chi soffre di dolori reumatici e di ritenzione idrica. BTURCO 6 SAUNA 2

Per realizzare all’interno della propria abitazione una sauna o un bagno turco non sono richiesti spazi enormi,l’importante sarà avere a portata di mano una doccia! Ovviamente più sarà lo spazio a vostra disposizione, più sara ampia e comoda la vostra sauna. Nei limiti è sufficiente 1,20 di larghezza, per realizzare una cabina, provvista di stufa in grado di riscaldare le pietre laviche. E’ importante decidere bene, secondo l’ambiente e le vostre esigenze, quale fonte di calore utilizzare per far funzionare la sauna, elettrica, a gas oppure a legna. Mentre la cabina per la sauna non deve essere posta necessariamente nel bagno, per quanto riguarda il bagno turco, la scelta si fa obbligata, poichè l’acqua è indispensabile. Esistono soluzioni prefabbricate da integrare in un bagno già esistente, oppure in caso di nuova costruzione o ristrutturazione è possibile realizzare un piccolo bagno turco in muratura. Nel primo caso le misure sono predefinite e quindi devono adattarsi a ciò che già esiste, nel secondo caso è possibile scegliere varie personalizzazioni per ottenere un bagno turco che vi rispecchi in tutto.

BTURCO 4BTURCO 1

Love of DoorS

Chi non ama questo tipo di porte???io ad esempio

NE sto cercando

di trovarne  una da iserire nella mia nuova cucina

 nella zona tra soggiorno e cucina e non vedo l’ora!!! ne voglio una davvero vecchia……. porte di recuro molto eco sostenibile……..

4

3

Ecco alcuni consigli anche per voi

FAI DA TE  UNA PORTA SCORREVOLE

Innantitutto bisogna togliere la vecchia porta, sollevandola dai suoi cardini. Bisognera’ poi togliere anche i vecchi cardini, sia sullo stipite sia sulla porta stessa, in genere entrambi sono fissati con delle viti. Provvederemo poi a sigillare bene i fori delle viti sia sulla porta che sugli stipiti con dello stucco da legno, avendo poi cura di carteggiare bene e ritoccare col colore della porta.

Spesso ci accorgeremo che sara’ preferibile ridipingere la porta per evitare che si vedano gli antiestetici rattoppi.

A questo punto dovremo creare il supporto su cui far scorrere la porta. Si puo’ ottenere acquistando un kit per porte scorrevoli che e’ costituito da una guida metallica, normalmente in alluminio anodizzato, che rappresenta il binario sul quale scorrono le staffe che sostengono la porta. Il tutto verra’ coperto, per motivi estetici, con un listello di legno lungo quanto il doppio della porta (con un certo margine, l’eccesso lo taglieremo dopo) e con lo stesso spessore della porta, scegliendolo nello stesso tipo di legno della porta o comunque cercando di tenersi su un legno duro e ben stagionato.

Il kit e’ facilmente reperibile in ogni grande magazzino per il fai da te, come Leroy Merlin, Brico o presso i piu’ riforniti ferramenta,oppure dal fabbro.

Il montaggio della guida, che a sua volta e’ in genere dotata di due staffette regolabili che vengono fissate alla parete sopra la porta utilizzando dei semplici tasselli ad espansione, e’ molto semplice. L’importante e’ aver preso bene le misure, infatti la parte inferiore della porta, una volta montata, dovra’ trovarsi a circa mezzo centimetro dal pavimento. Per esserne sicuri, prima di stringere le viti delle staffe della guida, fate una prova con tutta la porta in opera, appoggiandola su alcuni pezzetti di legno dello spessore di 0,5 cm. che toglieremo a lavoro ultimato,

In genere il kit comprende anche un fermo corsa che serve ad evitare che la porta scorrendo esca dai binari. Qualora il kit ne fosse sprovvisto, sara’ sufficiente mettere una vite che assolvera’ la stessa funzione del fermo.

Infine dovremo trovare il sistema di sostituire la maniglia con un pomolo o una finta maniglia che abbiano la funzione di consentire la presa per far scorrere la porta.